5 passi per costruire la brand advocacy

Molte aziende hanno stabilito una presenza sui social media, ma la maggior parte di queste non ha avuto la possibilità di passare dalla costruzione della community al livello successivo, che è quello di coinvolgere i sostenitori più influenti le cui raccomandazioni possono portare alle vendite.

In altre parole, molti marchi sono stati pubblicizzati per ottenere un numero crescente di "mi piace" su Facebook, ma quanti di questi fan si preoccupano poi realmente di prendere parte ad una conversazione con i marchi?

Non è così facile come incoraggiare  i tuoi fan di Facebook a condividere informazioni su un nuovo prodotto. Primo perchè non tutti i fan della pagina Facebook di un marchio sono realmente interessati a condividere le novità dell'azienda, secondo perchè non è neppure desiderabile per l'azienda che ogni fan della pagina parli come rappresentante del marchio.

Ciò premesso, per creare un'esperienza marca-consumatore significativa ed efficace, ci sono alcuni passaggi chiave:

  1. Comprendere e identificare i fan del marchio. Raccogliere le informazioni da e-mail, CRM, account di social media e fonti di terze parti per sviluppare un elenco completo dei potenziali appassionati del marchio. Incrociare i riferimenti per vedere quali persone seguono il marchio su più canali. Identificare gli utenti che già interagiscono con i contenuti del marchio (sappiamo infatti che solo l'1% dei fan di Facebook si impegnano veramente con i marchi su cui hanno messo "m piace"). Scavare nei dati per determinare quali tra tutte queste persone, sono veramente intenzionate a sostenere il marchio ed il marchio a sua volta vuole sostenere.
  2. Sviluppare una comprensione di ciò che motiverà la brand advocacy nei fan. Non potrà essere qualche prodotto gratuito, che invoglia dei "fan in affitto" a collaborare per poco tempo, a creare la brand advocacy. Che cosa invece porterà a relazioni durature? Noi abbiamo scoperto che le informazioni privilegiate, i premi e i riconoscimenti, le anteprime, le offerte speciali o di accesso immediato, sono i modi migliori per eccitare i fan del marchio.
  3. Utilizzare la "gamification" per incoraggiare l'azione. Utilizzare queste ricompense per incentivare la condivisione attraverso la gamification, un sistema "di tendenza" che utilizza meccanismi di gioco in un ambiente di non-gioco. Si prevede che entro il 2015, il 50% delle organizzazioni utilizzeranno qesta tecnica. Interi social network, come Foursquare, sono costruiti su questo concetto, con oltre 20 milioni di utenti online in luoghi fisici per guadagnare premi virtuali. Dai un'occhiata a questa infografica che presenta statistiche impressionanti (ad esempio che gli utenti stanno il 30% del tempo in più su siti con accesso a giochi sociali).
  4. Responsabilizzare i fan sui loro network preferiti. Ci sono già troppi social network da scegliere per gli utenti per pensare di crearne di nuovi. L'integrazione tra il sito esistente di un marchio ed i canali social, invece, permette di tenere traccia di tutte le attività social degli utenti e di premiarli quando condividono dei post per il marchio. Questo rispetta i tempi dei fan, e genera raccomandazioni più genuine.
  5. Misurare! Fornire contenuti, opportunità e incoraggiamento per alimentare il desiderio di un fan di raccomandare, condividere, recensire, difendere e sostenere il marchio. Quindi tenere traccia di queste azioni. Un programma di sostegno del marchio di successo fornirà aumenti misurabili sia delle raccomandazioni che delle vendite.


CREDITS:

Autore Jessica Reed
Link all'articolo originale http://socialmediatoday.com/jessicareed/1603476/5-steps-build-brand-advocacy

Scrivi il tuo commento